Bacheca – “Dashboard”

27 marzo 2020

“Caro Ronzinantes

Siamo stati travolti da un disastro annunciato e ignorato, per troppo tempo sottovalutato dai governi di un’Europa miope, anzi cieca. Eppure erano così eloquenti le immagini che ci venivano dalla Cina! Speriamo comunque di uscirne. Anche qui a Sassari la situazione è abbastanza critica: sono stati commessi troppi sbagli per scarsa lungimiranza, ignoranza e inefficienza a livello dirigenziale. Pure io sono chiusa a casa in un tempo sospeso e sono preoccupata per mia sorella (anestesista in Terapia Intensiva) che sta combattendo ogni giorno in prima linea una guerra difficile, alla sua età (64 anni), mentre sperava di poter rallentare un po’ i ritmi di lavoro, ormai vicina alla pensione. Io posso solo sperare e pregare soprattutto per i medici e gli operatori sanitari che rischiano la propria vita per salvarne altre. Pregherò anche per te. Ti sono vicina . Passerà, passerà questo terribile momento”.

Mia cugina Speranza da Sassari


25 marzo 2020

London. My sister, Anaesthesiologist, working in the NHS. “Just started yesterday in the A&E (it is a day hospital/observation setting) “so far I haven’t been provided any PPE”…”First of all, I feel deeply concerned as a Doctor, from the Ethical Perspective… there are real risks of spreading Covid as well as for witnessing policies of discharging unstable patients from hospital”


22 marzo

22 marzo 2020: “Per dirla tutta, ti devo raccontare allora che in ospedale a Olbia, il 20 febbraio, mentre ero in attesa di fare la Tac un medico della radiologia, non il Presidente dell’ATS, ha ripreso energicamente le infermiere che avevano indossato motu proprio le mascherine. Un altro tuo collega, nonché mio amico, quando le ha viste ha riso loro in faccia, come delle povere mentecatte. Non tutti i tuoi colleghi, quindi, purtroppo, la pensavano come te”.

Fabrizio, un mio vecchio amico di Olbia (avvocato)

“Stiff Upper lip” ma, soprattutto, “empty pumpkin”: zucca vuota. Quindi nemmeno buona per una zuppa! (Ronzinantes)


21 marzo

Eppure è Primavera…

“Dove cazzo stanno i medici “senza frontiere” che fino a un mese fa s’imbarcavano sulle navi ONG per 10.000 euro al mese?
Dove cazzo stanno i “medici” di EMERGENCY?
Dove cazzo sta il grande Gino Strada?
Perché tutta sta gente a Bergamo non l’hanno vista mentre i veri medici professionisti delle nostre forze armate non sono bastati e ci sono voluti altri 300 medici (volontari) spesso richiamati dalla pensione?
QUESTE ONG DA VENT’ANNI CI CHIEDONO SOLDI VANTANDOSI DI SALVAR VITE IN ZONE DI GUERRA. DOVE CAZZO STANNO ADESSO QUESTI SEDICENTI “EROI” DELLA MEDICINA DEGLI OSPEDALI DA CAMPO NEL TERZO MONDO?
RISALITE A BORDO CAZZO!!!!!”

Un medico di Torino

Ce lo chiediamo in molti. Gino, che fine hai fatto: non ti si vede? Se ci sei batti un colpo! (Ronzinantes)

22 marzo 2020. Replica di Gino Strada al “medico di Torino”: “noi siamo in Italia. E c’è anche Emergency, ma lavoriamo fuori dai riflettori”.

Diversamente visibili: perlomeno quando si trattava di sostenerli. Direbbe “er gatto de Trilussa”: “no, no: io nun divido gnente co’ nessuno: fo er socialista quanno sto a diggiuno, ma quanno magno so’ conservatore”! (Ronzinantes)


Un commento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.